La consapevolezza nel viaggio

Lungo molti anni
a grande prezzo
viaggiando attraverso molti paesi
andai a vedere alte montagne;
soltanto non vidi
dallo scalino della mia porta
la goccia di rugiada che scintillava

sulla spiga di grano.

Questa è una poesia di Tagore, scrittore indiano vissuto tra la seconda metà del 1800 e la prima metà del 1900.

Cosa vi suscitano queste parole?  Osservando la realtà di oggi, non trovate che il richiamo di questa poesia sia di grande attualità?

Viaggiare, raccontare i propri viaggi, navigare freneticamente alla ricerca dell’albergo più bello a minor prezzo e del volo più conveniente sembrano essere diventati un dovere. Ma se il viaggio, la vacanza non sono goduti in ogni loro aspetto non sono più un piacere, ma fonte di stress.

Come fare?

Quando programmate una vacanza, la prima domanda dovrebbe essere: “Ho davvero voglia di fare questo viaggio, di visitare questo posto, di stare via per questa durata di tempo?”. Lasciate che queste domande agiscano dentro di voi senza fretta. Se i 10 minuti sono diventati la vostra abitudine quotidiana, sapete già che presto otterrete la risposta giusta PER VOI (questo è un concetto che non mi stancherò mai di ribadire).

La semplice attesa della data di partenza dovrebbe essere emozionante. Preparare i bagagli dovrebbe essere un divertimento. Non vi illudete! Se pensare alla partenza, ai bagagli e tutto ciò che riguarda il viaggio vi crea più ansia (un minimo è comprensibile) che felicità, senso di anticipazione, curiosità imparate la lezione: avete caricato questa vacanza di troppe aspettative. La prossima volta avrete la capacità di scegliere in modo più consapevole.

E se la vacanza è già programmata e sentite dentro di voi quella sensazione di disagio per cui, al diavolo l’anticipo, preferireste stare a casa piuttosto che affrontare il viaggio? Provate a vedere tutti, ma proprio tutti gli aspetti positivi del vostro programma. Visualizzate il luogo, ciò che vedrete, ciò di cui godrete. Sentitevi già là. Se i preparativi per la vacanza verranno fatti in questo stato d’animo, vedrete che l’ansia sparirà e partirete con una migliore predisposizione.

E poi, senza nulla togliere ai meravigliosi viaggi che si possono fare per il mondo, c’è “la goccia di rugiada sulla spiga di grano”. E’ il luogo tranquillo, non lontano da casa, dove magari abbiamo ricordi di “villeggiature” dai nonni. Non richiede un lungo viaggio, non richiede molto bagaglio. Può essere, man mano che scorre il tempo, una meravigliosa occasione di incontro con noi stessi, con tutti i sensi accarezzati da profumi, rumori, voci, aria, ricordi, cibi, incontri già noti eppure nuovi perché anno dopo anno cambiamo noi. Vale la pena di prenderlo in considerazione? Decidete voi.

Se questi suggerimenti vi sembrano la scoperta dell’acqua calda, le possibilità sono due: o siete già delle esperte in tecniche motivazionali/di rilassamento (allora che ci fate qui? :-)) oppure avete già vissuto la vostra fase di ricerca in questo campo senza aver mai provato ad applicarli, pensando “tanto non funzionano”.

Ognuno sa qual è la sua risposta. Credo che chi è davvero interessata ad evolversi nel proprio modo di vivere sia curiosa sempre e comunque di sperimentare, quindi a voi la scelta.

Buon viaggio!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...