DAWN OR SUNSET?

Welcome back!
I don’t know if you have noticed the background picture of the homepage. I find it beautiful.
I will not try to convince you that I took this picture, even because, if you are familiar with WordPress themes, you surely know that this is a standard picture.

Yet it seemed that it was there for me and for what I want to share with you.

Do you think this is dawn or sunset?

Either way it is a peaceful image that stirs a feeling of happy expectation in me.
I think it is dawn. You know that moment during summertime when you are already up, with your cup in your hands, enjoying the quiet in your house? That’s when I think it is.

Talking about morning feelings, I would like to introduce today’s subject.

Is there anyone out there who is able to enjoy the quiet at the beginning of the day, without stressing about something from the very early hours of the day? Come on, raise your hands!

Morning is the first moment when women, regardless of their family situation, feel responsible for the whole world’s expectations. It does not matter if we live alone, if we share the house with someone or if we have kids.
In addition, many of us do it trying to live up to all the false ideals we read about in magazines or see on television or Internet.
Perfect make-up, appropriate dress, tidied-up home, breakfast for everybody, well fed and well-dressed kids…

Now I want to ask you a question. Please think about it before giving yourselves an answer. Whose good are you doing all this for?

How many actions do we do, how many words do we speak to please the world around us, never asking ourselves what pleases us, what makes US feel good?

How many smiles do we show, how many cheap shots do we take, how many provocations do we react to without asking ourselves if this is really what we want to do?

This is a vicious cycle, that will not change if we do not interrupt it briskly. Do not ask me how. I don’t give solutions. This is a place for women who want to take charge of their lives, becoming aware of their own strength. No solution is right for everyone.

In the morning you can try to find the peacefulness of this picture. Whether it’s winter or summer, whether you live at the seaside, in the country or in a big city, whether you are alone or not, find 10 minutes just for yourselves. Make clear to everybody, yourselves included, that for 10 minutes you do not exist for anybody else.

This is your time to find inspiration, to become conscious of your value and of all the beautiful things that each human being can bring into the world if only we find the time to nourish this capability.

Find what is right for you to feel good in this moment: a book, a motivational video, breathing exercises, yoga, running, a prayer. No judgement or prejudice.

Do it every morning, do not let anyone or anything distract you. Do not give up and be honest with yourselves. 10 minutes must be 10 minutes. Do not be self-indulgent, get your soul and your will moving.

In a few days you will find yourselves realizing what is the right way for you to start the day and no one around will be able to put up any resistance, because your approach will be something born deep within yourselves and not from some theoretical advice in books or from life gurus.

Come on, this is a wonderful journey! Let’s start it!

LET ME INTRODUCE MYSELF

This is a blog for women.
This is a blog for those who want to start a journey to the discovery of women’s dignity. Dignity… sounds like an ancient word that has lost its meaning. Yet it has always been present in my vocabulary, even though the corresponding adjective doesn’t quite match the original word.

What is dignified? A behavior, a dress style, a life style? This sounds more like appropriate, suitable, civilized. For me dignity means consciousness, strength, pride. Yet these words hardly exist in our women’s world.
We are inclined to judge ourselves, to set limits, to fight with other women or with ourselves or even worse, to try to fit into a category.

And what happens if we do not fit anywhere? I guess each one of you has her own answer to this question.

To start this journey let me introduce myself and tell you which category I fit in… no one. As a teenager this hurt a lot, no need to deny it. I looked like a good girl, yet I loved rock and metal music; I loved reading, I was shy, I was bold, a good student, but with a strong attraction for those who were not; I was stuck, I was free…

My mother would look at me puzzled and ask me “Why do you have to be so enigmatic?”.

As I grew up I had no clear ideas about what I really wanted and I thought I would be happy working in an office, where unfortunately the worst kind of chauvinism ruled, so I guessed I had to think like a man to be worthy. I tried getting satisfaction from my career, but I only got heartburn.

I always wanted to have a family and the result was that I was mobbed because of my pregnancies, even though I did not generate an entire football team.
Then I got fired and decided to have a try at being a housewife.
That’s when I discovered the magical mommies’ world.

I had never met so many personalities before, sometimes belonging to the same person! But all of them had something in common, most of the times they felt inadequate. This feeling increased every time we talked together.

After some years, I can tell you something I am sure you already know: we usually feel faulty, especially when we are under pressure, most of the time for a false ideal of perfection. We totally forget the strength, the resourceful core, the power that lie within us, just awaiting to be used.

Each one of us can find her own expression of these forces, but the only way to do it is to be free.

Freedom, feeling free from any judgement, being aware of what is right for us: these are powerful tools that we must learn to use.

My journey is a long one, but I’m going on and I wish I could share what I have experienced so far with you, with women who are willing to listen to my feelings, my thoughts, thus creating your own way of thinking, which is the only one perfect for you, in the moment you’re living, with the resources you have. It doesn’t matter who you are, how old you are, where you live.

I want to make a difference, share my experiences, and help you become stronger. And if I succeed with just one of you, I will have won my bet.

See you soon

Violenza sulle donne – Tuteliamoci!

INTERVISTA A SILVIA COLOMBO, AVVOCATO MATRIMONIALISTA del Foro di Milano.

Buongiorno Silvia, grazie di questo incontro dedicato a parlare di come la legge può aiutare le donne vittime di molestie, abusi e violenze.

“Buongiorno e grazie a te dell’invito a partecipare, sempre disponibile se posso dare il mio contributo a migliorare la situazione delle donne vittime di violenza.”

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una escalation di violenza sempre più esplicita e manifesta nei confronti delle donne. Si è passati da quella che era una “violenza privata”, che rimaneva nascosta tra le mura domestiche, a gesti sempre più eclatanti fino ad arrivare all’omicidio, passando per il fenomeno dello stalking. Secondo te cosa ha contribuito a questo fenomeno?

“Innanzitutto mi preme dire che in passato la situazione della donna non era certo delle migliori.

Sin dai tempi antichi, la donna è stata oggetto di sottomissione all’uomo, se non di violenze ed abusi senza precedenti. Nella società attuale ha ottenuto via via maggiore riconoscimento quale essere soggetto di diritti, al pari dell’uomo (pensiamo solo al diritto di voto).

Senonché, sussistono ancora frange di società in cui esseri vili e malvagi, purtroppo, abusano della fragilità femminile e perpetrano abusi di violenza psicologica e fisica che riducono la donna in stato di sottomissione, di soggezione.

Il motivo di tutto ciò, a mio parere, risale ad un retaggio che dovremmo scrollarci di dosso.

La donna ha un intelletto acuto e degno di rispetto al pari, se non più in molti casi, dell’uomo, ma spesso è purtroppo lei stessa a non reagire, a sminuirsi, a non rendersi conto del proprio valore.

Mi capita spesso di avere a che fare con donne abusate, soprattutto psicologicamente, che patiscono cali di autostima.

I social network, oltre tutto, nell’era moderna hanno ridotto le barriere ed acuito la velocità di passaggio tra il rispetto e la mancanza di esso nei confronti della donna.”

Le leggi, inadeguate fino a pochi decenni fa in termini di riconoscimento della dignità femminile, si sono nel frattempo adeguate?

“Le leggi si sono parzialmente adeguate.

Da ultimo, quella sullo stalking ha permesso di intervenire immediatamente laddove vi sia segnalazione di un soggetto perseguitante, con arresto in flagranza di reato.

Le leggi ci sono, ma come ripeto le donne dovrebbero a mio avviso denunciare di più.”

Pensi che intervenendo legalmente si possa prevenire la violenza contro le donne?

“Assolutamente sì.

Ritengo che un buon tessuto normativo, con relative pesanti sanzioni, sia d’ausilio a fungere da deterrente nei confronti dell’ipotetico reo.

Il problema, invero, è rappresentato per lo più dall’applicazione della norma e della relativa sanzione al caso di specie, perché se sul piano sostanziale le norme ci sono, bisogna poi applicarle sul piano processuale.”

All’atto pratico cosa deve fare una donna ai primi segni di abuso?

“Ai primi segni di abuso la donna deve denunciare, o rivolgendosi ad un avvocato oppure direttamente alle forze dell’ordine.

Nessuno sconto, nessun buonismo. Un uomo che usa violenza contro una donna non è degno di essere chiamato Uomo. Il problema, come già detto, è lo stato di soggezione psicologica in cui la donna versa in questi casi.”

Perché tante vittime nonostante le denunce?

“Le tante vittime possono essere riconducibili, a mio avviso, ad almeno due ordini di fattori.

Il primo, sta proprio – mi spiace ripetermi – nel fatto che la donna pensa di poter “redimere” il suo carnefice. Come si dice: se non c’è vittima, non esiste carnefice. Perché dargli l’occasione di esserlo?

Il secondo, ritengo sia dovuto alla molteplicità di denunce di violenze ed abusi, che possono condurre ad un ingolfamento delle questure, se non addirittura ad una sottovalutazione del caso.

Non si è mai abbastanza preparati. I soggetti perseguitanti agiscono con segnali e modalità ben precisi, andrebbero svolti dei corsi formativi, sia per le vittime di violenza, sia per le forze dell’ordine che a volte non sanno come trattare il caso concreto ed intervengono quando ormai è “troppo tardi”. Del resto, non hanno alternative: se non c’è reato, non possono intervenire.

Su questo punto, la legge andrebbe modificata, anche se sussiste l’allontanamento dalla residenza familiare, che già di per sé aiuta.”

Qual è la pena che rischia un uomo denunciato per molestie/abuso?

“La pena dipende dal tipo di reato.

Ipotizziamo un minimo di sei mesi di arresto, per il reato di molestie, ad un massimo di dieci anni di reclusione in caso di violenza sessuale, fino a giungere alle pene più severe in caso di omicidio.

Pene fino a 4 anni di reclusione, invece, per molestie reiterate (il c.d. stalking) che possono essere aumentate se il fatto è commesso dal coniuge legalmente separato/divorziato – o da persona che sia stata legata da relazione affettiva – ovvero ai danni di un minore, di donna in stato di gravidanza o di soggetto disabile.”

La casistica cosa ci dice rispetto agli esiti delle condanne? Sono utili? La donna è salvaguardata anche dopo la scarcerazione?

“Gli esiti delle condanne portano spesso ad una recidiva, nonostante il tentativo del nostro sistema di rieducazione del condannato.

La donna non è tutelata a seguito della scarcerazione, se non per il fatto che è vietato al soggetto avvicinarsi ai luoghi dalla stessa frequentati. Ma il problema a mio avviso non è risolto.”

Sei mai stata vittima di molestie o abusi?

“No, mai stata vittima.”

Sono presi in considerazione risarcimenti per danni anche solo psicologici?

“Chi è vittima di abusi, quale persona offesa dal reato, può costituirsi parte civile nel processo penale, cosa di cui mi occupo. Svolgendo attività di avvocato matrimonialista, capita spesso che profili penalistici si muovano di pari passo con quelli civilistici, nell’ambito per esempio di una separazione coniugale.

Il risarcimento può prevedere diverse voci di danno: biologico, morale, esistenziale, perdita di chances di lavoro, ecc.

La Corte di Cassazione con sentenza 12 settembre 2011, n. 18641 ha sostenuto che il danno morale è autonomo rispetto al danno non patrimoniale. Con diverse sentenze la Cassazione ha ribadito la “autonomia ontologica del danno morale”.”

Per ultimo ti chiedo un consiglio da donna oltre che da avvocato: esistono dei campanelli d’allarme da non trascurare in una relazione affinché non degenerino in violenza?

“Il campanello d’allarme più importante è la mancanza di rispetto, che può manifestarsi inizialmente in una serie di comportamenti apparentemente innocui, come l’usare un linguaggio volgare, impedire di uscire e frequentare amici e/o parenti, oppure vessare sottilmente la compagna, denigrandola o mancando nei suoi confronti delle più elementari attenzioni.”

Puoi consigliare associazioni e istituzioni a cui rivolgersi e darci un tuo contatto?

Esistono i centri antiviolenza, con una rete nazionale antiviolenza, che risponde al numero 1522 e che è in grado di offrire ogni informazione utile e supporto su tutto il territorio, nonché numerose associazioni presenti in tutta Italia.”

Ringrazio Silvia per il tempo che ci ha dedicato.

Questa intervista completa la serie di articoli su questo argomento.

Invito tutte a leggere e rileggere queste informazioni, anche in futuro, perché se noi donne vogliamo davvero fare la differenza nel modo in cui il mondo ci vede e ci tratta, dobbiamo essere le prime a non abbassare mai la guardia sul nostro diritto al rispetto da parte di chiunque.

Concludo ricordandovi l’appuntamento di domani mattina alle ore 10.00 su Radio Lombardia dove sarò ospite della trasmissione Mattino Lombardia per parlare del mio blog.

A presto!

Se volete sentire la mia voce, ecco l’occasione!

Care lettrici,
è con grandissimo piacere che vi invito all’ascolto del programma Mattino Lombardia (FM 100.3 o http://www.radiolombardia.it) martedì 20 ottobre a partire dalle ore 10.00.

Io e Isa Brutal saremo ospiti di Monica Stefinlongo per fare una presentazione del mio blog e del libro “Back in the metal days”.

I riscontri che ho ricevuto nell’ultimo periodo mi rendono felice e fiduciosa della bontà del mio progetto, che è quello di essere una voce fuori dal coro della mediocrità.

Vi aspetto!

Buon weekend a tutte!

Violenza sulle donne – Difendiamoci con il Krav Maga

INTERVISTA AD ALESSANDRO MARZOLA – Istruttore di Krav Maga Civile e Sicurezza  – IKM Gabi Noah

Buongiorno Alessandro e grazie del tempo che ci dedichi per parlare di auto-difesa ed in particolare come può essere d’aiuto in situazioni di pericolo per le donne.

Quando e perché hai iniziato a praticare il Krav Maga?

Innanzitutto grazie a te per questa intervista. Ho iniziato una decina di anni fa, spinto dalla ricerca di un sistema di difesa efficace per strada. Cercavo qualcosa di praticabile per strada, che fosse veramente utile in caso di pericolo.”

Quando hai preso in considerazione la possibilità di diventare istruttore e cosa ti ha spinto a farlo?

Man mano che praticavo e avanzavo con i gradi, le persone che mi circondavano mi suggerivano di affrontare il corso istruttori. Oltre le capacità tecniche, vedevano in me un persona in grado di trasmettere con facilità quello che apprendevo.”

E’ un’attività impegnativa? Come sono strutturati i livelli di avanzamento?

“Personalmente è abbastanza impegnativo. Svolgo corsi quotidianamente presso il mio centro a Milano. Oltre alla lezioni collettive, svolgo corsi privati e servizio di consulenza.

Per quello che riguarda i livelli, se parliamo di adulti, vi sono 15 gradi.
I livelli praticanti vanno da P1 a P5, i graduati da G1 a G5 e gli Esperti da E1 a E5.”

A chi consigli di imparare il Krav Maga?

“Lo consiglio fortemente a tutti! Per strada, tutti possiamo essere vittime di aggressioni improvvise. Il Krav Maga lavora su punti sensibili del corpo e quindi permette una difesa efficace anche per persone di corporatura esile.”

Spesso questa disciplina viene assimilata alle arti marziali. E’ corretto? Cosa la differenzia?

“Il Krav Maga e le arti marziali sono due cose completamente diverse. E’ vero che molte tecniche includono movimenti derivanti dalle arti marziali o sport da combattimento, ma sono state modificate e adattate ad un contesto urbano.

Gli sport da combattimento sono molto efficaci, ma sono stati pensati per il ring.

In strada l’aggressione è improvvisa, e lo stress è totalmente diverso. Inoltre, in strada tutto è concesso e non ci sono regole e l’aggressione può avvenire in svariati modi, dall’aggressione verbale all’uso di oggetti quali coltelli, bastoni ecc.”

Perché consiglieresti ad una donna di imparare il Krav Maga?

“Perché attualmente è il miglior sistema di difesa personale al mondo. E’ facile da apprendere ed è adatto ad una donna che normalmente è di corporatura più esile rispetto ad un uomo. Essere consapevoli dei rischi e saperli gestire in maniera sicura, permette alla donna di avere la meglio in caso di aggressione.

La società sta vivendo un’escalation di violenza che purtroppo non risparmia nessuno. Sapersi difendere è un diritto di tutti.”

A livello di sicurezza psicologica che effetto ha il Krav Maga?

“Il Krav Maga aiuta ad essere più consapevoli dei rischi che si corrono quando si cammina per strada. La tecnica, senza un buon lavoro psicologico, non può essere applicata. Le tecniche eseguite sotto stress sono una parte fondamentale dell’allenamento. Solo se si lavora continuamente sotto stress, si riesce ad ottenere il giusto approccio di difesa.”

Cosa succede se si eccede nel difendersi?

“Come detto in precedenza, il Krav Maga lavora su punti sensibili del corpo. E’ normale che in una situazione di aggressione, la vittima si difenda con tutte le sue forze e quindi possa causare danni permanenti all’aggressore.

In questi casi l’importante è sopravvivere e riuscire a tornare a casa sani e salvi. Gli aspetti legali sono una cosa da valutare dopo.”

Quali sono le situazioni più tipiche in cui una donna può togliersi dal pericolo grazie al Krav Maga?

“Le donne sono spesso vittime di abusi e non solamente in strada. La violenza domestica è un tema ricorrente. Secondo dati a campione (donne tra i 16 e i 79 anni di età), in Italia, 1 donna su 3 ha subito violenza (31,9%, circa 7 milioni di donne). Il 23,7% del campione ha subito violenze sessuali, il 18,8% violenze fisiche. Quasi 3 milioni di donne hanno subito violenza dal partner attuale o dall’ex partner.

E’ un quadro che sconvolge ed è per questo che ogni donna dovrebbe sapersi difendere.”

Secondo te ci sono lavori specifici in cui sarebbe altamente consigliabile per una donna imparare a difendersi?

“Come detto in precedenza, nessuno è immune alla violenza. Indipendentemente dal lavoro svolto, tutte le donne dovrebbero sapersi difendere.”

Qual è l’età minima e massima per avvicinarsi a questa disciplina?

“In generale, si può iniziare a praticare Krav Maga dall’età di 4/5 anni. I corsi per bambini sono strutturati in maniera differente rispetto ad un corso per adulti.

Se invece parliamo di adulti, si inizia dall’età di 14/15 anni”.

Una curiosità: puoi dirci l’età minima e massima tra le tue allieve donne?

“L’allieva più giovane è Giulia. Ha 13 anni ed ha capito in pieno l’essenza della difesa personale. Conosce perfettamente i rischi che potrebbe correre quando cammina per strada e si allena duramente e seriamente per essere preparata in qualsiasi momento.

L’altra allieva ha 50 anni, donna tenace e di grande grinta.”

E’ possibile fare una lezione di prova?

“Certamente, il nostro centro è aperto per tutte le persone che vogliono provare ad avvicinarsi a questo sistema. Invito tutti voi con molto piacere per provare direttamente una lezione di Krav Maga.”

Grazie Alessandro e per qualsiasi informazione cliccate sul pulsante a destra dell’articolo o sul seguente link, non ve ne pentirete!

www.ikmmilano.it

Violenza sulle donne – Introduzione

Negli ultimi tempi ho fatto un viaggio allucinante. Ho navigato nella realtà e in rete per raccogliere informazioni sull’argomento che voglio trattare, la violenza sulle donne, e sono rimasta sconvolta dai numeri, dalle statistiche, dalle testimonianze.

Esistono delle realtà di tale violenza, psicologica e fisica, che sono veramente inimmaginabili.

Ogni parola, ogni pensiero nella mia mente si forma a fatica riguardo questo argomento. Si rischia un’inutile retorica, un falso moralismo o una pietà perbenista che non possono rendere minimamente l’idea dell’inferno che queste donne, donne come noi, vivono.

Forse la parola più onesta che può descrivere le mie sensazioni è impotenza.

Nella mia vita non ho mai ricevuto uno schiaffo e, nonostante qualche episodio di molestie, una volta anche abbastanza pericoloso, me la sono sempre cavata. Posso dire che io non conosco la violenza e sono una donna molto fortunata.

Quello che più mi ha colpito, soprattutto nei casi di violenza domestica, è il sottile lavoro di debilitazione psicologica che subiscono le vittime, arrivando al punto di non essere più in grado di difendersi.

“Ho iniziato ad aver paura, prima di andare a dormire aspettavo di sentirlo russare per il timore che potesse succedermi qualcosa, non sapevo con chi parlare, mi vergognavo, pensavo che fosse colpa mia, ho iniziato a non volermi più bene e sono anche ingrassata.”

Sempre più isolate, aggredite verbalmente, sminuite in tutto ciò che fanno, le vittime non riescono a capacitarsi quando per la prima volta vengono attaccate fisicamente e a volte passano anni prima che si decidano ad andarsene. Pensano che sia stato un episodio, pensano di poter perdonare, pensano che non succederà mai più.

L’arma psicologica di far sentire la donna colpevole di ciò che le accade è la stessa anche nel caso delle molestie e delle violenze sessuali.

“Che cosa avete voluto? La parità dei diritti. Avete cominciato a scimmiottare l’uomo. Voi portavate la veste, perché avete voluto mettere i pantaloni? Avete cominciato con il dire “Abbiamo parità di diritto, perché io alle 9 di sera debbo stare a casa, mentre mio marito il mio fidanzato mio cugino mio fratello mio nonno mio bisnonno vanno in giro? Vi siete messe voi in questa situazione. […] Ognuno raccoglie i frutti che ha seminato. Se questa ragazza si fosse stata a casa, l’avessero tenuta presso il caminetto, non si sarebbe verificato niente.”

Sapete a quando risale questa arringa dell’avvocato difensore in un processo per stupro? Alla fine degli anni ’70. Non parliamo del 1800, ma di poche decine di anni fa. Penso che oggi nessun avvocato si azzarderebbe a ripeterle, ma pensate che la mentalità sia molto cambiata?

Poiché in ogni ambito è sempre più chiara l’importanza della prevenzione e poiché nessuna di noi è immune dal pericolo, ho deciso di affrontare questo argomento in modo costruttivo.

Procederò quindi, senza indugiare in ulteriori tristi ed angoscianti testimonianze o resoconti, esponendovi ciò che ho preparato per voi.

Nei prossimi giorni troverete sul mio sito due interviste: una con l’avvocato Silvia Colombo, che ci illustrerà come la legge può intervenire a tutela della donna e una con Alessandro Marzola, istruttore di Krav Maga, tecnica di difesa adatta a tutti e per qualsiasi età.

Spero veramente che nessuna di voi sia nella condizione di dover mai utilizzare queste risorse, ma piuttosto che queste interviste vi siano di stimolo a prendervi sempre e comunque cura di voi stesse.