I buoni consigli

Ben ritrovate a tutte!

Navigando in rete ultimamente mi sono imbattuta in diverse liste di cose da fare e non fare per godersi al meglio la vita sotto ogni aspetto e ad ogni età.

Su alcune ho la stessa opinione del Rag. Fantozzi riguardo il film “La corazzata Potiomkin”, altre mi hanno fatto riflettere.

Indovinate cosa ho deciso di fare? Distinguendomi in questa occasione per la mia originalità, farò una lista anch’io!

Credo infatti di avere vissuto determinate esperienze abbastanza a lungo per poterle valutare ed al tempo stesso di avere ancora tempo sufficiente per ciò che ancora non ho fatto, senza crearmi degli inutili rimpianti.

Non è detto che io riesca a concentrare tutta la mia lista nel post di oggi, magari sarà a puntate…

In ogni caso fatene l’uso che volete e se in qualche modo alcuni punti vi saranno d’ispirazione, ne sarò felice.

Iniziamo:

  • Date spazio alla creatività nella vostra vita. Non è necessario essere degli artisti professionisti, ma se sentite l’impulso di suonare, dipingere, recitare, scrivere, cantare, fotografare, decorare, scolpire, decorare, ballare, ricamare, fare i saltimbanchi e qualsiasi altra cosa, FATELO! Il vostro corpo ed il vostro cervello, man mano che passa il tempo, ve ne saranno sempre più grati.
  • Muovetevi. Le nostre ossa, i nostri muscoli, le nostre articolazioni, i nostri polmoni soffrono se non li teniamo allenati anche per prestazioni al di là dei movimenti che facciamo tutti i giorni. Se l’allenamento non è costante certe attività non le recuperate più! Mica vorrete essere delle nonnette tutte acciaccate, no?
  • A volte ci si sente completamente esauste e isteriche, ma cercate di godervi i figli piccoli più che potete. Godete della tenerezza e della dolcezza senza freni di questo periodo della vita. Vederli crescere è fantastico, ma passa tutto veramente alla velocità della luce.
  • Abbiate cura dei vostri denti. Qui non aggiungo altro.

Bene, per oggi mi fermerò qui. Le liste troppo lunghe sono noiose. Commentate, se vi fa piacere, e se avete qualche consiglio condividetelo!

Alla prossima!

Annunci

Il Signor Errore

Maria Montessori chiamava l’errore Signor Errore.

Secondo me è una bellissima espressione. Gli errori non sono da evitare, ma da accogliere come indicazione su come aggiustare il tiro.

Quanti errori irreparabili potremo mai commettere nella vita? Quanti errori saranno invece dei preziosissimi compagni di viaggio che ci aiuteranno a comprendere cosa fare diversamente in un’altra occasione?

Non è facile dire “Ho sbagliato” e magari dover chiedere scusa, ma non c’è miglior modo per far tesoro dell’esperienza.

Guardate i bambini che imparano a camminare. Alla fine imparare a camminare potrebbe essere una metafora della vita: osservi, provi, cadi, riprovi,  fai degli errori, inciampi, ti rialzi, ti fai male… e un giorno corri!

Allora basta flagellarci per gli errori che abbiamo commesso! Se ci possono essere utili per capire come far meglio, bene, se no, visto che sono dei Signori, salutiamoli educatamente e lasciamoceli alle spalle.

Buon anno nuovo!