Well-being: Tai-chi and EFT – part 2

During my acitvity in the field of natural remedies and techniques, I often get in touch with people asking me for magical solutions for any kind of problems.
Unfortunately, many people disguise themselves as healers for every ailment, be it physical or psychological.

I am not one of these. Every time I learn about a new technique, I am very cautious.

I do not eat frog tails or snakes’ tongues and I do not believe that a massage or a certain position are enough to cure a disease.

Yet there are some natural remedies, some physical activities (e.g. Tai-chi) and massages and stimulations that can have a strong impact on our physical and psychological well-being and solve some discomforts.

I’ve always been curious about acupuncture, a method that was unknown to the medical western culture until a few decades ago.

The possibility to have access to our body’s internal parts noninvasively is fascinating. Through the acupuncture points, we can improve our health in many ways.

All these points are situated along the meridians and, although this has always been a much used treatment in the Traditional Chinese Medicine, experiments have only recently shown that there actually is a third “circulation system”. Isn’t that incredible?

The same points can be stimulated through pressure or tapping and these techniques can be very useful as “domestic first aid” for colds, headache or upset stomach too.

When stimulated, some points can give relief in stressful situations. These points are on the head/face and the upper part of the torso.

At the beginning of the 90’s in America, some experiments were made combining therapy with the stimulation of these points and the results led to the elaboration of the EFT principles.

The basic concept of the EFT (Emotional Freedom Technique) is to free our experiences from an excessive emotional burden, which in the end can be the culprit not only of psychological problems but also of physical discomfort.

As I wrote in the introduction “This makes me feel good!” I like Nick Ortner’s The Tapping Solution.

This technique has many advantages: it can be easily learned, it is very helpful for stress-management and it can help us find clarity in our experiences.

There are many sites and videos where this technique is explained, but if you want you can send me a private message on Facebook / Linda Jett (Stillrocking) and I will be happy to give any further information.

In conclusion, my well-being formula is:

Tai-chi+EFT+Krav Maga.

What’s yours?

Have a nice week!

Benessere: Tai-chi e EFT – parte 2

Nella mia attività di naturopata, ho spesso a che fare con persone che mi approcciano pensando che io possieda la soluzione magica per ogni genere di problema.
Purtroppo nell’ambito delle tecniche naturali e/o energetiche ci sono personaggi che si spacciano come risolutori di tutti i malanni, fisici e psicologici.

Bene, io non sono una di questi. Ogni volta che mi avvicino a qualche nuova tecnica mi muovo sempre con molta cautela. Non assumo code di rospo, lingue di serpenti e simili e non credo che basti un massaggio o una posizione per curare un disturbo.

Tuttavia esistono delle cure naturali, delle attività fisiche (come ad es. il Tai-chi) e dei massaggi o delle stimolazioni che possono avere un grandissimo impatto positivo sul nostro benessere psico-fisico arrivando anche a risolvere dei malesseri.

Una delle cure fino a poco tempo fa estranee alla nostra cultura medica e che mi ha sempre incuriosito è l’agopuntura.

Ho sempre trovato affascinante l’idea che si possa accedere in maniera non invasiva a punti interni del nostro corpo andando così ad agire su problemi di varia natura.

Il pensiero poi che questi punti si trovino su determinati canali che secondo la Medicina Tradizionale Cinese costituiscono un terzo “sistema circolatorio” è incredibile.

Questi stessi punti si possono stimolare anche con pressioni o picchiettamenti e queste tecniche possono essere molto utili tra l’altro come “pronto soccorso domestico” in caso di raffreddori, mal di testa, malesseri gastro-intestinali.

Tra tutti questi punti ne esistono poi alcuni che opportunamente stimolati possono avere un effetto anti-stress. Si trovano nella zona testa/viso e nella parte superiore del tronco.

E’ partendo da questi presupposti che nei primi anni ’90 in America, a seguito di esperimenti di terapie psicologiche integrate con la stimolazione di questi punti, è stata elaborata la EFT (Emotional Freedom Technique) che si propone di base come tecnica anti-stress atta a liberare le nostre esperienze da un carico emotivo eccessivo, che mal gestito potrebbe arrivare a causare anche veri e propri disturbi fisici.

Come scrivevo nell’introduzione, a me piace l’approccio che trovate sul sito The Tapping Solution di Nick Ortner e il suo libro, che porta lo stesso titolo, lo potete trovare anche in italiano.

Il vantaggio di questa tecnica è che si può apprendere facilmente, è rilassante ed aiuta a trovare la lucidità nel gestire le nostre esperienze.

Esistono diversi siti e video dove vengono mostrati e spiegati i punti e la stimolazione degli stessi, ma se preferite potete mandarmi un messaggio privato sulla pagina Facebook Linda Jett (Stillrocking) e sarò felice di darvi suggerimenti ed informazioni.

Concludendo, il mio benessere psico-fisico è dato dalla formula

Tai-chi+Krav Maga+EFT.

Qual è la vostra formula?

Buona settimana a tutte!

Dawn or sunset? Part 2

Welcome back!

How was with your 10 minutes in the morning? How do you feel? Did you notice any changes? Maybe morning is not the right moment for you?

Let’s look at this from another point of view.

Ok, morning is not the right moment for you. In this picture you see a beautiful sunset, a moment when everything should slow down and quietly shift into a more relaxed end of the day pace. Yeah, sure…

Come on, sunset women, this is your time!

Set the hour you decide is right for you and let the world know that nobody and nothing can disturb you in these 10 minutes. This is your moment, everything can stop for some minutes. Choose whatever you like to do like I suggested in the previous article. The important thing is that you do something that really makes you appreciate this time in your personal temporal haven, protected from any trouble. You deserve it and you need it.

Sunset is a beautiful moment and you can choose to create a relaxed atmosphere for those around you too, talking quietly, listening to some music. If you have kids, stop asking them if they have done their homework or put clothes together for tomorrow… Let them take care of their own things! If you ask them it means that they can do it without your help. They will learn to deal with the consequences of their own actions.

Be strict in establishing these limits for everyone in order to fully enjoy these 10 minutes.

Maybe you’re asking yourself why I insist so much about this time length.

10 minutes are short enough to allow it to become a habit and long enough to have an impact on your well-being.

When this becomes a habit, you can go deeper and learn some relaxing techniques that I can explain.

I wrote it in the very first article: I want to make a difference and if you follow me, you will be surprised how your way of looking at things will subtly and constantly change.

Until next time!

This makes me feel good!

Hello!

Today I would like to introduce the topic of my next articles: well-being.

It would be great to know exactly what we need to be in a state of physical and psychological well-being, but often it is a life-long search, because we are ever-changing beings.

There is a lot of talking about meditation and relaxing techniques and I must confess that I am a big fan of these. Every time I’ve come across this kind of information I have always gone deeper to see if it was something right for me.

In the next articles, I will talk about this topic and how to find the space for these activities and techniques in our everyday life (do you remember the 10 minutes?).

In the last few years, I got very interested in three activities: relaxation through muscles movements, EFT (Emotional Freedom Technique) and Tai-chi.

In the first one, you achieve a very deep state of relaxation through muscles tension and release. It is not a very well-known technique and, even though it is easy to master it, it is better to attend a class.

EFT is widespread and the basic technique is explained very clearly in many videos you can find on YouTube. I personally follow Nick Ortner’s The Tapping Solution.

I also practice TAI CHI.

So in the next articles I will talk about Tai-chi and Eft.

They both have a connection with the Traditional Chinese Medicine. This connection is direct for Tai chi, while Eft has been inspired by it.

One of the basic concepts of the Chinese Medicine is the energy called “Chi” or “Qi” that flows through a net of meridians, the energetic channels.

On these meridians, there are many points that can be stimulated to balance the energy flow. To do this you can use for example acupuncture or pressure.

As for all topics I have written about, I will talk about these, because they are part of my life and make me feel well. Through my words, I try to encourage and inspire you, in this case to find your source of well-being without prejudices.

A martial art and an energetic technique? If they work for me what’s wrong with it?

I give this explanation, because I think that it is not right to give ourselves any kind of limits.

For instance, you know I love reading and I read anything.

At the seaside, I also happen to read gossip magazines and maybe in my bag I have Joyce’s Ulysses. What’s wrong with it? One makes me laugh, the other…well I still don’t know how Ulysses makes me feel, but this is another story… Anyway, they are both entertaining for me.

I hope I have intrigued you!

See you soon!

Questa cosa mi fa star bene!

Buon inizio settimana a tutte!

Oggi vorrei fare una breve introduzione sul benessere.
Sarebbe bellissimo avere le idee chiare su cosa esattamente ci serve per ottenere il benessere psico-fisico.
Spesso invece è una ricerca che dura tutta la vita, perchè siamo esseri in continuo cambiamento.

Si sente parlare molto di meditazione e tecniche di rilassamento di ogni genere e vi devo confessare che io sono una loro grande fan. Ogni volta che mi sono imbattuta in questo tipo di informazioni ho cercato di approfondirle per capire se erano adatte a me.

Nei prossimi articoli approfondirò questo tema e il modo di integrare attività e tecniche utili in questo senso nel nostro quotidiano (ricordate i famosi 10 minuti?).

Negli ultimi anni mi hanno appassionato tre attività: il rilassamento a mediazione corporea, l’EFT (Emotional Freedom Tecnique) e il Tai-chi.

Il rilassamento a mediazione corporea è praticamente il raggiungimento di un profondo stato di relax attraverso la successione di tensioni e rilassamenti muscolari. Non è molto conosciuto e, pur essendo di facile apprendimento, funziona meglio se si assiste ad una dimostrazione pratica.

L’EFT invece è più diffusa e la tecnica base è spiegata molto chiaramente in diversi filmati che trovate su Youtube. A me personalmente piace l’approccio di The Tapping Solution di Nick Ortner.

Come attività fisica pratico una disciplina fantastica: il Tai-chi.

Parlerò del Tai-chi e dell’EFT nei prossimi articoli.

Entrambe hanno un collegamento con la Medicina Tradizionale Cinese, diretto per il Tai-chi e di ispirazione per l’EFT.

Un concetto basilare della MTC è il Chi o Qi, comunemente definito “energia”, che scorre nei meridiani.

I meridiani sono una rete di canali che costituiscono il sistema circolatorio energetico. Lungo questi canali si trovano dei punti su cui si può agire per riequilibrare la circolazione del Chi, mediante l’agopuntura e la digitopressione.

Come per tutti gli altri argomenti trattati, parlerò di questi temi perché fanno parte della mia vita e sono per me fonte di benessere. Attraverso le mie parole io cerco di trasmettere stimoli e in questo caso vorrei spingervi a trovare la vostra fonte di benessere senza pregiudizi.

Un’arte marziale e una tecnica energetica? Se per me funzionano che problema c’è?

Faccio questa precisazione perché troppo spesso ci fermiamo davanti a dei limiti inesistenti.

Vi faccio un esempio: sapete che mi piace leggere e leggo di tutto.
Quando sono al mare se capita leggo anche Novella 2000 e magari nella borsa ho Ulisse di Joyce.
Qual è il problema? Uno mi fa ridere, l’altro… nel caso specifico di Ulisse non lo, ma questa è un’altra storia. Ma entrambi mi rilassano.

Spero di avervi incuriosito!

A presto!