Memories…to forget

Welcome back!

Lately I find myself more and more involved with people who keep thinking about the good old days. Whether they talk about music, family memories, travel, objects, it always seems that the present will never have a chance to match the magic and perfection of the past. Poor present… we often forget that it is the only time in our lives where we can intentionally act to improve things.

I hate memories with no purpose. Memories of this kind only lead to nostalgia and melancholy.

I dare even to say that I would erase them if I could. I know very well that every experience makes me what I am today and if I erased some memories I would be like a puzzle with missing pieces. I would become, if this is possible, even more incomprehensible to me.

In spite of my ideas about it, I find myself identifying in the past: I am the person who has suffered this loss, I am the person who has had this accident, I am the person who has been dismissed …

Do you notice something? The bitterest memories are tied to negative situations. I have read somewhere that at least five positive experiences are necessary to psychologically balance one negative experience. I think this is not entirely true either. Maybe in the present, but not for distant memories.

For example, being treated in a rude and unfriendly way in a store is not a good experience and, whether you react or you remain speechless, it is difficult to get rid immediately of what happened. However, if during the day you receive five manifestations of kindness or affection in other situations, the memory of how you have been treated in the store could disappear. Maybe it could be even useful in order to choose whether to go back or not.

It is very different when the memory is linked to a past trauma. In these cases so many factors come into play (sights, smells, sensations) and it is hard to find a good solution for everyone.

I found great help in a technique called EFT Tapping. You can find my articles here:

https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/03/this-makes-me-feel-good/
https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/23/well-being-tai-chi-and-eft/
https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/24/well-being-tai-chi-e-eft-part-2/

If you are interested in experiencing EFT, have a look at the link below regarding the 8th Tapping World Summit, starting on Monday, February 22. This is a totally free series of lectures and guided practices for those who want to get closer to this technique.

http://www.thetappingsolution.com/2016VideoSeries/

But there are also memories of beautiful experiences that make us happy in difficult times and that encourage us in creating others.

These are the memories to look back to from time to time, with the knowledge that even with small gestures of everyday life, we can help build the good memories of tomorrow.

These are not rhetorical words I assure you. Even in the darkest moments of my life, I have always tried to find a little light in every gesture, made or received, and if I could not find it, I would simply go on.

Life after all is the relationship with ourselves and every relationship requires love, commitment and patience. If we are willing to do this for the people we love, we must do the same with ourselves.

Take care of the person you are and choose the memories you want to keep with you. For everything else look for the right way to get rid of it.

Some experiences will stay with you forever, but you have the right to ensure that they do not hurt your soul every time you remember them.

 

Annunci

I ricordi… da dimenticare

Ben ritrovate!

Ultimamente mi ritrovo sempre più spesso ad avere a che fare con persone che pensano ai buoni vecchi tempi. Che si tratti di musica, ricordi familiari, viaggi, oggetti, sembra che il presente non avrà mai la possibilità di eguagliare la magia e la perfezione del passato.

Povero presente… l’unico momento della nostra vita in cui possiamo agire con intenzione per migliorare le cose.

Io odio i ricordi fini a sé stessi. I ricordi di questo tipo portano solo a nostalgia, se non malinconia.

Mi azzarderei addirittura a dire che non servono proprio a niente e se potessi li cancellerei. In realtà so benissimo che ogni esperienza fa di me quello che sono oggi e se cancellassi alcuni ricordi sarei come un puzzle senza alcuni tasselli, quindi, come se non lo fossi già abbastanza, ancora più incomprensibile per me stessa.

Mi ritrovo anch’io, nonostante le mie idee a riguardo, ad identificarmi nel passato: io sono la persona che ha subito questa perdita, io sono la persona che ha avuto questo incidente, io sono la persona che è stata licenziata…

Notate qualcosa? I ricordi più accaniti sono legati a situazioni negative. Si dice che per compensare psicologicamente un’esperienza negativa siano necessarie almeno cinque esperienze positive. Secondo me non è del tutto vero neanche questo. Forse nell’immediato, ma non per ricordi lontani.

Per esempio essere trattata in modo maleducato e scortese in un negozio non è una bella esperienza e, sia che rispondiate per le rime o rimaniate senza parole, è difficile liberarsi subito dell’accaduto. Tuttavia, se nel corso della stessa giornata, ricevete cinque manifestazioni di gentilezza o affetto in altre situazioni, ecco che il ricordo del trattamento ricevuto nel negozio potrebbe svanire. Anzi, magari potrebbe rivelarsi utile per scegliere se andarci di nuovo o no.

E’ molto diverso quando il ricordo è legato ad un trauma del passato. In questi casi entrano in gioco talmente tanti fattori (luoghi, odori, sensazioni) che è difficile trovare una soluzione valida per tutti.

Io ho trovato un grandissimo aiuto in una tecnica che si chiama EFT Tapping. Ne avevo già parlato: https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/03/questa-cosa-mi-fa-star-bene/
https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/19/benessere-tai-chi-e-eft/
https://stillrocking.wordpress.com/2015/11/24/benessere-tai-chi-e-eft-parte-2/

A questo proposito vi informo che lunedì 22 febbraio inizierà il Tapping World Summit. Si tratta di una serie totalmente gratuita di conferenze e pratiche guidate molto interessante per chi vuole avvicinarsi ed approfondire questa tecnica.

Cliccate sul seguente link e troverete tutte le informazioni che volete

http://www.thetappingsolution.com/2016VideoSeries/

Esistono però anche i ricordi legati a bellissime esperienze che ci rendono allegre nei momenti difficili e che costituiscono lo stimolo per crearne altri. E’ a questi ricordi che a volte è giusto rivolgere la mente, con la consapevolezza che ogni giorno, anche nei piccolissimi gesti del quotidiano, possiamo contribuire a costruire i bei ricordi di domani.

Non sono parole retoriche ve lo assicuro.

Anche nei momenti più bui della mia vita, ho sempre cercato una piccola luce in ogni gesto fatto o ricevuto o se non la trovavo, passavo oltre.

La vita alla fin fine è la relazione con noi stesse e ogni relazione richiede amore, impegno e pazienza. Se siamo disposte a far questo per le persone che amiamo, dobbiamo fare lo stesso con noi stesse.

Abbiate cura delle persone che siete e scegliete i ricordi che volete tenere con voi. Per tutto il resto cercate il modo giusto per liberarvene.

Alcune esperienze resteranno per sempre con voi, ma avete il diritto di far sì che non vi mordano l’anima ogni volta che vi vengono a trovare.

Well-being: Tai-chi and EFT – part 2

During my acitvity in the field of natural remedies and techniques, I often get in touch with people asking me for magical solutions for any kind of problems.
Unfortunately, many people disguise themselves as healers for every ailment, be it physical or psychological.

I am not one of these. Every time I learn about a new technique, I am very cautious.

I do not eat frog tails or snakes’ tongues and I do not believe that a massage or a certain position are enough to cure a disease.

Yet there are some natural remedies, some physical activities (e.g. Tai-chi) and massages and stimulations that can have a strong impact on our physical and psychological well-being and solve some discomforts.

I’ve always been curious about acupuncture, a method that was unknown to the medical western culture until a few decades ago.

The possibility to have access to our body’s internal parts noninvasively is fascinating. Through the acupuncture points, we can improve our health in many ways.

All these points are situated along the meridians and, although this has always been a much used treatment in the Traditional Chinese Medicine, experiments have only recently shown that there actually is a third “circulation system”. Isn’t that incredible?

The same points can be stimulated through pressure or tapping and these techniques can be very useful as “domestic first aid” for colds, headache or upset stomach too.

When stimulated, some points can give relief in stressful situations. These points are on the head/face and the upper part of the torso.

At the beginning of the 90’s in America, some experiments were made combining therapy with the stimulation of these points and the results led to the elaboration of the EFT principles.

The basic concept of the EFT (Emotional Freedom Technique) is to free our experiences from an excessive emotional burden, which in the end can be the culprit not only of psychological problems but also of physical discomfort.

As I wrote in the introduction “This makes me feel good!” I like Nick Ortner’s The Tapping Solution.

This technique has many advantages: it can be easily learned, it is very helpful for stress-management and it can help us find clarity in our experiences.

There are many sites and videos where this technique is explained, but if you want you can send me a private message on Facebook / Linda Jett (Stillrocking) and I will be happy to give any further information.

In conclusion, my well-being formula is:

Tai-chi+EFT+Krav Maga.

What’s yours?

Have a nice week!

Benessere: Tai-chi e EFT – parte 2

Nella mia attività di naturopata, ho spesso a che fare con persone che mi approcciano pensando che io possieda la soluzione magica per ogni genere di problema.
Purtroppo nell’ambito delle tecniche naturali e/o energetiche ci sono personaggi che si spacciano come risolutori di tutti i malanni, fisici e psicologici.

Bene, io non sono una di questi. Ogni volta che mi avvicino a qualche nuova tecnica mi muovo sempre con molta cautela. Non assumo code di rospo, lingue di serpenti e simili e non credo che basti un massaggio o una posizione per curare un disturbo.

Tuttavia esistono delle cure naturali, delle attività fisiche (come ad es. il Tai-chi) e dei massaggi o delle stimolazioni che possono avere un grandissimo impatto positivo sul nostro benessere psico-fisico arrivando anche a risolvere dei malesseri.

Una delle cure fino a poco tempo fa estranee alla nostra cultura medica e che mi ha sempre incuriosito è l’agopuntura.

Ho sempre trovato affascinante l’idea che si possa accedere in maniera non invasiva a punti interni del nostro corpo andando così ad agire su problemi di varia natura.

Il pensiero poi che questi punti si trovino su determinati canali che secondo la Medicina Tradizionale Cinese costituiscono un terzo “sistema circolatorio” è incredibile.

Questi stessi punti si possono stimolare anche con pressioni o picchiettamenti e queste tecniche possono essere molto utili tra l’altro come “pronto soccorso domestico” in caso di raffreddori, mal di testa, malesseri gastro-intestinali.

Tra tutti questi punti ne esistono poi alcuni che opportunamente stimolati possono avere un effetto anti-stress. Si trovano nella zona testa/viso e nella parte superiore del tronco.

E’ partendo da questi presupposti che nei primi anni ’90 in America, a seguito di esperimenti di terapie psicologiche integrate con la stimolazione di questi punti, è stata elaborata la EFT (Emotional Freedom Technique) che si propone di base come tecnica anti-stress atta a liberare le nostre esperienze da un carico emotivo eccessivo, che mal gestito potrebbe arrivare a causare anche veri e propri disturbi fisici.

Come scrivevo nell’introduzione, a me piace l’approccio che trovate sul sito The Tapping Solution di Nick Ortner e il suo libro, che porta lo stesso titolo, lo potete trovare anche in italiano.

Il vantaggio di questa tecnica è che si può apprendere facilmente, è rilassante ed aiuta a trovare la lucidità nel gestire le nostre esperienze.

Esistono diversi siti e video dove vengono mostrati e spiegati i punti e la stimolazione degli stessi, ma se preferite potete mandarmi un messaggio privato sulla pagina Facebook Linda Jett (Stillrocking) e sarò felice di darvi suggerimenti ed informazioni.

Concludendo, il mio benessere psico-fisico è dato dalla formula

Tai-chi+Krav Maga+EFT.

Qual è la vostra formula?

Buona settimana a tutte!

“Il piccolo circolo dell’autocoscienza femminile” e le tecniche di benessere

Era da tempo che desideravo trovare un luogo di incontro dove conoscere, confrontarmi e condividere con altre donne. In uno slancio femminista qualche anno fa l’avevo addirittura battezzato “Il piccolo circolo dell’autocoscienza femminile” Peccato che il posto non c’era e quindi non potevo attaccare questa insegna da nessuna parte.

Gli uomini sono fantastici, gli amici maschi utilissimi, ma quando c’è la sintonia giusta tra donne è una sensazione impagabile.

Oggi ho passato un meraviglioso pomeriggio con una nuova amica camminando nel bosco e parlando di temi che mi appassionano: i rapporti con gli altri, come non subire condizionamenti, come espandere i miei orizzonti… tranquille, non ho visto nessun unicorno color arcobaleno.

Questa comunque sono io, questa è la dimensione dove mi muovo bene. Tra pochi giorni rientrerò in città e certi spazi, geografici e mentali, magari mancheranno, ma va bene così.

Ho passato tanti anni a pensare che “in fondo andava bene così”, ma non era la stessa sensazione che provo oggi.
C’era spesso quella sensazione di fastidio alla bocca dello stomaco… Le ho provate un po’ tutte per riuscire a capire cosa fosse: visite mediche, attività fisica, letture, riposo, psicologa, ma i risultati erano scarsi o di breve durata.

Quando ho deciso di trovare delle soluzioni dove io non fossi semplicemente “la cliente”, bensì parte attiva, la situazione è cambiata.
3 anni di corsi e ho ottenuto il diploma in Naturopatia, seguito da attestati in Kinesiologia e Ayurvedic touch. Contemporaneamente ho approfondito la Medicina Tradizionale Cinese, i Mudra, l’Eft tapping e ho sperimentato tutte queste tecniche su me stessa, scremando man mano quello che non mi convinceva o che ritenevo non valido.

C’è tanta “fuffa” in questo settore, ma anche tante tecniche valide che possono davvero aiutare ad affrontare varie tematiche, a scardinare false convinzioni, a rilassarci, a sentirci supporto di noi stesse, in poche parole ad essere protagoniste del nostro benessere.

Pensateci un attimo: per esempio i massaggi sono fantastici (sapeste quanti me ne sono fatta fare anch’io!), ma sono un’integrazione. Se l’attivazione di un processo di miglioramento del nostro stato psico-fisico può partire da poche piccole azioni quotidiane fatte da noi non è meglio?

Ho insegnato a donne come noi tecniche di automassaggio che diventavano un’affermazione del loro valore, ho visto mamme di bambini classificati come “difficili” uscire felici dai colloqui con le maestre dopo solo qualche settimana di incontri… no, non vi dirò che ho visto cose che voi umani neanche immaginate, ma che esiste un modo per stare bene a metà strada tra il medico e lo psicologo, sì.

La prossima volta che dovesse capitarvi di sentire qualcosa, un fastidio, che non è proprio un malessere, ma quasi, provate ad ascoltarvi e date una chance a questo approccio. Se volete, io sono qui. Potete scrivermi un messaggio privato sulla pagina Facebook di Linda Jett e io sarò felice di aiutarvi.

Abbiate cura di voi stesse, nessun altro al mondo vi starà mai così vicino!